top of page

Copiato

Come creare un blog di viaggi e monetizzarlo


Esempio di interfacci di un blog di viaggi

I blog di viaggi sono uno dei tipi di blog più diffusi, e, nel corso degli anni, parallelamente all’aumento della concorrenza, è aumentata anche la domanda. Oggigiorno, la chiave per creare un blog di viaggi di successo è quella di inserirsi in una nicchia e offrire contenuti mirati. Ogni giorno vengono scoperte nuove località popolari, avventure e gemme nascoste. Anche il tuo giardino e la tua città natale potrebbero essere sconosciuti ai nuovi lettori, dandoti la possibilità di recensirli e offrire il tuo punto di vista unico. Quindi, se desideri documentare le tue avventure e condividerle con il mondo, questo è il posto giusto!


In questa guida discuteremo tutti i passaggi necessari per creare un blog di viaggi di successo: dalla creazione di un blog, alla raccolta di idee per i contenuti alla scelta di un nome, dalla costruzione di un pubblico alla monetizzazione dei tuoi contenuti, i nostri consigli ti aiuteranno a iniziare il tuo viaggio come travel blogger, rendendolo divertente e gratificante. Quindi, tuffiamoci subito nei dettagli e scopriamo insieme come aprire un blog di viaggi!



Come creare un blog di viaggi



1. Scegli che tipo di travel blogger vuoi diventare


Anche se puoi affrontare tutti i tipi di viaggio nel tuo blog, è più facile avere successo concentrandosi su una nicchia specifica. Pensa a chi potrebbe trarre vantaggio dai tuoi contenuti unici e rivolgiti a tale pubblico. In questo modo non solo attirerai un pubblico di lettori abituali, ma guadagnare con il tuo blog sarà più semplice, poiché offrirai un valore ben preciso a possibili partner o sponsor.


Per esempio, l’utente Wix Tales of Israel ha sfruttato la sua conoscenza di Israele per aiutare cittadini e turisti a scoprire i luoghi più nascosti del Paese.



Esempio di blog di viaggi di Tales of Israel


We Are Travel Girls, invece, ha creato una solida base di oltre 415.000 follower su Instagram concentrandosi sui consigli per le donne che viaggiano.



Esempio di blog di viaggi di We are travel girls


Ecco alcune idee di nicchie nel settore dei viaggi per aprire il tuo blog:


  • Viaggi in città

  • Viaggi in campagna

  • Viaggi in regioni specifiche

  • Viaggi a basso costo

  • Viaggi di lusso

  • Viaggio in solitaria

  • Viaggi al femminile

  • Viaggi per lavoro

  • Viaggi d'avventura

  • Viaggi in famiglia

  • Viaggi per genitori con figli già grandi

  • Viaggi accessibili

  • Viaggi esperienziali

  • Viaggi per festival

  • Viaggi di coppia

  • Viaggi con zaino in spalla

  • Viaggi LGBTQ+ friendly

  • Viaggi per anziani


2. Scegli come chiamare il blog e registra il tuo nome di dominio


Dopo aver scelto su quale nicchia concentrarti con il tuo travel blog, dagli un nome accattivante che aiuti le persone a trovarti e a ricordarsi di te. Proprio come per il nome di un brand, scegliere il nome di un blog richiede un tocco di creatività e una visione strategica degli obiettivi del blog nel corso degli anni.


Per esempio, se hai deciso di creare un blog di viaggi incentrato su una città, includila nel nome del tuo blog; se i viaggiatori in solitaria sono il tuo pubblico target, opta per un nome adeguato, in modo che sappiano che ti rivolgi a loro. Ricordati solo di non scegliere un nome troppo specifico: probabilmente ti capiterà di spaziare anche al di fuori degli argomenti della tua nicchia.



Registra il nome di dominio


Dopo aver trovato il nome perfetto per il tuo blog di viaggi, accertati che sia di tua proprietà esclusiva. Per evitare confusione quando promuovi il tuo blog, assicurati che non ci siano altre aziende o utenti che utilizzano il nome del tuo blog o che detengono il tuo nome di dominio. Verifica che siano disponibili i nomi utente che hai scelto sui social e registrali. Più è facile trovare il tuo blog, più è probabile che le persone tornino a visitarlo.




3. Seleziona il template giusto per il tuo blog di viaggi


Foto e video possono dare vita alle tue avventure e incentivare i visitatori a seguire i tuoi viaggi. Ecco perché dovresti scegliere un template per blog con un approccio visivo per presentare i contenuti del tuo blog di viaggi.


Assicurati che abbia anche una homepage accattivante, una pagina “Informazioni” dettagliata, una sezione di blogging ben organizzata e una sezione dedicata all’iscrizione alla tua newsletter, tutti spazi ideali per condividere i tuoi contenuti multimediali.

Dai un'occhiata qui di seguito ad alcuni dei nostri template di travel blog preferiti, ottimizzati per dispositivi mobile:



  • Immagini di grandi dimensioni nella homepage per una prima impressione di grande impatto

  • Menu a metà pagina per indirizzare i visitatori verso i diversi tipi di guide di viaggio

  • Modulo di iscrizione ben visibile per favorire la crescita della tua newsletter



Esempio di template per travel blog con una foto di Venezia


  • Sezione “Collaborazioni” per presentare le tue offerte di partnership

  • Logo del blog ben posizionato che funge da tasto per ritornare alla homepage

  • Sfondo video accattivante per accogliere i visitatori



Esempio di template per travel blogger


  • Feed Instagram incorporato per presentare efficacemente i tuoi contenuti social

  • Pagina video per mostrare filmati di alta qualità o promuovere il tuo canale YouTube

  • Wix Chat per comunicare con i visitatori



Esempio di template per blog di viaggi


4. Crea il logo del tuo blog


Avere un logo ti aiuterà a costruire un brand come travel blogger. Probabilmente durante i primi mesi proverai tattiche diverse per consolidare la tua identità online, per esempio aggiornando il layout del tuo sito o cambiando lo stile dei tuoi scatti. Usa il logo del tuo blog sul tuo sito, nella firma della tua email professionale e sui canali social per associare la tua presenza online a un brand inconfondibile.


Suggerimento: trova l’ispirazione con queste idee per loghi e crea il tuo logo gratuitamente con Wix Logo Maker.



Esempi di loghi per travel blog


5. Prepara i tuoi video


È più facile descrivere un luogo imperdibile con immagini piuttosto che a parole. Infatti, gli articoli che contengono immagini ricevono più visualizzazioni rispetto a quelli senza immagini. Una buona fotocamera consente di scattare immagini di alta qualità, di dimensioni adeguate e dall’aspetto professionale. Potrebbe valere la pena di investire in una reflex digitale, un drone, un treppiede o altre attrezzature per migliorare la qualità delle tue immagini. Per raccogliere e preparare i tuoi contenuti, prendi in considerazione l’uso di programmi di editing foto gratuiti per aggiungere filtri e modificare le tue foto. Puoi anche utilizzare immagini di repertorio in attesa di catturare nuovi scatti durante il tuo prossimo viaggio.


6. Scrivi i primi post del tuo blog


Un blog senza articoli è semplicemente un sito web. Prima di condividere il tuo blog, scrivi e pubblica almeno tre post per dare ai visitatori del tuo sito un assaggio dei contenuti che offri. Questo rafforzerà anche la tua strategia di creazione di contenuti.

Quando scrivi i post del tuo blog puoi decidere di dare libero sfogo alla creatività, oppure prendere spunto dalle idee di blog riportate qui sotto:


  • La guida di viaggio completa per [ inserisci luogo ]

  • Come visitare [ inserisci luogo ] in soli [ inserisci numero ] giorni

  • X suggerimenti per trovare voli economici in/a [ inserisci stagione o festività ]

  • Cose migliori da fare in/a [ inserisci luogo ]

  • Perché visitare [ inserisci luogo ]

  • Cose da fare in/a [ inserisci luogo ] spendendo poco

  • Fare le valigie per [ inserisci tipo di viaggio ]

  • Cosa fare il fine settimana in/a [ inserisci luogo ]

  • Soste imperdibili sulla [ inserisci il nome della strada ] per [ inserisci luogo ]


Non dimenticare di intervallare i contenuti di testo con media interessanti per mantenere viva l’attenzione dei lettori.


Strategia SEO per il tuo blog


La maggior parte dei viaggi viene ormai pianificata online, il che significa che i lettori useranno i tuoi contenuti per prendere decisioni e non solo per cercare spunti. Se fai parte di un network di affiliazione queste decisioni possono poi trasformarsi in un guadagno reale. Per assicurarti una fetta di questo pubblico attivo, ottimizza i tuoi contenuti per i motori di ricerca e rendi il tuo sito il più visibile possibile per questi utenti.


Ecco alcune buone pratiche consigliate per la strategia SEO del tuo blog:

  • Ricerca parole chiave chiave e termini comuni relativi alla tua destinazione o al tipo di viaggio di cui parli nel tuo blog

  • Inserisci la parola chiave nel titolo, nell’URL, nell’articolo e nella meta descrizione SEO del tuo post

  • Inserisci link interni al tuo blog e sito web

  • Inserisci alt text nelle immagini


Calendario editoriale


È bene stabilire un programma regolare per la pubblicazione di nuovi contenuti sul tuo blog di viaggi. Non importa se pubblichi una volta alla settimana o una volta al mese, basta che la frequenza di pubblicazione sia costante, in modo che i lettori sappiano quando tornare a consultare i tuoi ultimi articoli. Inoltre, se pubblichi regolarmente nuovi post, Google visiterà più spesso il tuo sito per indicizzare le pagine, migliorando la SEO del tuo blog.


Inizia a compilare il tuo calendario editoriale, provando una di queste strategie per raccogliere idee per i tuoi contenuti:


  • Fai ricerche su stagioni, festività o eventi specifici che avvengono nella tua destinazione per trovare idee di contenuti. In determinati periodi dell’anno ci sarà un alto afflusso di ricerche e richieste relative a questi argomenti

  • Prendi spunto dagli articoli e dai blog della concorrenza. Sapendo quello che altri blogger hanno già detto su luoghi o argomenti specifici, puoi aggiungere un valore unico e offrire ai tuoi lettori ciò che manca


7. Interagisci con il pubblico


Senza un pubblico di lettori, fan e follower interessati, il tuo blog non è altro che un diario. Utilizza i canali e le strategie riportate di seguito per coinvolgere in modo autentico il tuo pubblico e portare traffico verso il tuo sito web:


Social media


I social media sono uno strumento prezioso per far crescere il tuo blog di viaggi, considerato che la maggior parte degli appassionati di viaggi usa Instagram per trovare posti da esplorare nei dintorni. Inoltre, puoi seguire i nostri consigli su come guadagnare su Instagram.

Usa i social media per raggiungere nuovi lettori:


  • Individuando i canali social più usati dal tuo pubblico target. Scopri gli hashtag che usano, i luoghi che taggano e i brand e i travel blogger che seguono

  • Creando contenuti ad hoc basati sui desideri e le esigenze del tuo pubblico target

  • Coinvolgendo i tuoi lettori seguendoli, mettendo like e commentando i loro contenuti

  • Usando le community, i forum e i gruppi sui social media per entrare in contatto e fare networking con i membri del tuo pubblico target e con altri travel blogger

Suggerimento: usa uno strumento per la creazione di post social per produrre contenuti accattivanti e di qualità.



Strumento Wix per la creazione di post per i social media


Passa parola


Entrare in contatto con potenziali lettori nella vita reale può essere uno strumento fondamentale per far crescere il tuo blog di viaggi. Oltre a parlare del tuo blog ad amici e parenti, parlane anche alle persone che incontri durante le tue avventure.


Anche se il travel blogging non è (al momento) il tuo lavoro a tempo pieno, quando incontri persone che ti chiedono cosa fai nella vita, spiega che hai appena aperto un nuovo blog di viaggi e che ti piacerebbe che si iscrivessero o ti seguissero. I viaggiatori amano restare in contatto con le persone che incontrano durante i loro viaggi e probabilmente diventeranno nuovi follower.



Newsletter


Dopo aver accumulato alcuni iscritti alla tua newsletter, puoi creare campagne di email marketing per coinvolgere i tuoi lettori. Configura un’email automatica per inviare ai lettori gli articoli del blog appena pubblicati.


8. Fai networking con partner e brand di turismo


Aprire un blog di viaggi non dev’essere necessariamente solo un hobby. Le collaborazioni con agenzie turistiche, musei, hotel, ristoranti e brand offrono grandi opportunità di guadagno, sia tramite uno scambio di beni che tramite pagamenti in contanti.


Per esempio, puoi ottenere un soggiorno gratuito in cambio di un post del tuo blog su un hotel e di contenuti che questa struttura potrà sfruttare sui suoi canali social o sul suo sito. Un altro esempio può essere quello di un’agenzia di viaggi che ti invia gratuitamente una borsa se la taggi in un post.


Come contattare i brand:

  1. Identifica il brand con cui desideri collaborare

  2. Fai ricerche approfondite sul brand per comprendere le esigenze del suo pubblico target

  3. Contattali presentando i servizi che proponi


Template dell’email di contatto


Ciao, sono [nome completo],


Sono il/la travel blogger dietro al blog [nome del blog/URL del sito web], e sul mio blog scrivo in particolare di [elenca i tre argomenti principali del blog]. I miei attuali lettori e follower ammontano a [inserisci qui il numero totale].

[Scrivi un paragrafo che spieghi come conosci l'azienda con cui vuoi collaborare e perchè pensi che la vostra collaborazione potrebbe essere di successo].

Se siete alla ricerca di nuove collaborazioni, sarei felice di [inserire i servizi proposti per la collaborazione: per esempio un post sul blog, immagini, post sui social media].

In passato, ho collaborato con [nomi di brand] e qui [inserisci il link] potete trovare alcuni esempi dei contenuti che ho creato.


A presto,

[Nome]

[Firma accompagnata da email, numero di telefono, link al sito, logo e canali social]



9. Guadagna con il tuo blog di viaggi


Per quanto sia divertente sorseggiare una piña colada a bordo piscina in un hotel, sarà difficile pagare le bollette facendo solo quello. Usa uno o più di questi nove modi creativi per monetizzare il tuo blog:


I. Post sponsorizzati: i post sponsorizzati sono la fonte di guadagno principale per la maggior parte dei blog di viaggi. Concorda con il tuo partner l’obiettivo, la lunghezza del post e il compenso. Un travel blogger con un numero di follower ridotto si fa pagare in media 200 euro per ogni post sponsorizzato.


Per esempio, un post sponsorizzato da un servizio di trasporto marittimo nei Caraibi potrebbe descrivere il modo migliore per fare un’escursione a Isla Mujeres, menzionando la compagnia di trasporto marittimo e linkando al suo sito web più volte nell’articolo e nella recensione dell'esperienza dei servizi offerti dalla compagnia. Ricorda solo di specificare in una nota che il post è stato sponsorizzato per non perdere la fiducia dei tuoi lettori.


II. Marketing di affiliazione: molti travel blogger guadagnano commissioni anche pubblicizzando i prodotti di un’azienda. Se promuovi dei prodotti sul tuo blog, sui tuoi account social e su altre piattaforme, tramite un link unico e tracciabile, riceverai un profitto da ogni vendita. Per iniziare, iscriviti a un programma di marketing di affiliazione e invita i lettori a fare acquisti dai link di riferimento consigliati.


Ecco alcuni programmi di affiliazione di viaggio più diffusi da prendere in considerazione: il programma per affiliati di Expedia Group, il Programma per Partner Affiliati di Booking.com, il Programma di Affiliazione Amazon e AWIN.


III. Pubblicità: la maggior parte dei blog di viaggi vende pubblicità. Guadagna pubblicando inserzioni sul tuo sito web.


Suggerimento: se hai un sito Wix, puoi aggiungere Google AdSense direttamente al tuo blog tramite l'App Market di Wix.





IV. Contenuti premium: valuta la possibilità di far pagare ai lettori per informazioni più esclusive e contenuti più impegnativi da produrre, come le guide premium, i download digitali o gli e-book, per generare entrate supplementari. Per esempio, se hai realizzato una mappa in PDF con tutti i ristoranti vegani di Parigi, potresti far pagare ai lettori 5 euro per scaricarla.


V. Donazioni: le donazioni stanno diventando sempre più popolari nel mondo della creazione di contenuti, quindi non aver paura di chiederle. Accetta donazioni tramite Patreon, PayPal o anche assegni inviati per posta.


VI. Workshop e corsi: probabilmente hai una grande esperienza nella tua nicchia, soprattutto se viaggi spesso. Condividi i tuoi suggerimenti e segreti con i lettori tramite un corso online o un workshop a pagamento. Le due famose coppie di viaggiatori di Club Life Design, per esempio, offrono un corso di social media e di editing foto.


VII. Freelance: non devi necessariamente guadagnare con i tuoi contenuti di viaggio. Puoi scegliere la vita da nomade digitale e fare soldi come freelance lavorando in remoto mentre giri il mondo.

Suggerimento: il Marketplace di Wix è un ottimo modo per far crescere la tua base di clienti progettando i siti web degli utenti Wix.


VIII.Vendi foto e video: guadagna vendendo contenuti multimediali online. Un drone può essere un ottimo investimento che ti permette di vendere ai partner riprese video di alta qualità, solitamente difficili da produrre. Inoltre, molti blogger di viaggi, come Aloha Jana, generano entrate vendendo filtri preimpostati per i colori delle foto agli utenti che desiderano migliorare le proprie immagini.


IX. Produci e vendi prodotti: vendi (anche in dropshipping) articoli con il tuo brand come costumi da bagno, occhiali da sole e articoli da viaggio.

Suggerimento: aggiungi Wix eCommerce al tuo blog per vendere direttamente dal tuo sito.



10. Impara dai migliori esempi di blog di viaggi


A volte il modo migliore per aprire un blog è prendere spunto da chi lo ha fatto prima di te. Questi utenti Wix hanno creato blog di viaggio che ci fanno sentire come se stessimo viaggiando con loro:



Bucket List Bums


Bucket List Bums sa bene cosa vogliono i suoi lettori: informazioni utili per pianificare i loro viaggi. Oltre ai suoi scatti di viaggio di alta qualità,questa travel blogger ha organizzato i suoi post per paese, permettendo ai lettori di individuare ed esplorare facilmente la loro destinazione d’interesse. Inoltre, nei suoi post da suggerimenti precisi su quanti giorni trascorrere in una determinata destinazione, come traspare dal post Three Days in Baja.


Oltre a offrire valore ai suoi lettori, questa travel blogger fa anche lavorare il proprio blog per lei, grazie ai link di affiliazione presenti nella pagina del negozio online e nelle didascalie delle immagini.



Home page del blog di viaggi di Bucket List Bums


Anika Pannu


Il blog di viaggi di Anika Pannu è moderno e interattivo, perfetto per il suo pubblico target che vuole vivere le stesse esperienze nei propri viaggi. Oltre a catturare immediatamente l’attenzione dei visitatori con un effetto di scorrimento sulla homepage (con video e immagini che si muovono quando si scorre il sito), Anika offre anche contenuti specifici che si rivolgono direttamente al suo pubblico.


Per esempio, ha creato una classifica di alloggi consigliati creando un sistema di valutazione in base al costo di ogni sistemazione, come nel caso del post A Weekend Guide To Lisbon, Portugal. Questo permette ai lettori di farsi rapidamente un’idea dei costi associati ai suoi viaggi, senza dover fare ulteriori ricerche per trovare le fasce di prezzo. Per far crescere le possibilità di collaborazione con il suo brand, ha anche creato sul sito una pagina dedicata alle partnership.



Home page del blog di viaggi di Annika Pannu


Zion Adventure Photog


Basta entrare sulla homepage di Zion Adventure Photog per essere trasportati nell’omonimo parco naturale di Zion in Utah. Il fatto che questa blogger di viaggi sia originaria del luogo (Utah meridionale) contribuisce a creare un’esperienza coinvolgente in tutto il blog.


Dal punto di vista dei contenuti, i post del blog sulle escursioni descrivono in modo coerente la lunghezza, la difficoltà, la posizione, i tempi di percorrenza, i dettagli del percorso di ogni escursione, con una sezione dedicata alle informazioni aggiuntive. Sia i visitatori abituali che i nuovi lettori possono spostarsi facilmente tra i post e ottenere le informazioni che cercano. I post presentano inoltre una chiara call to action che invita i lettori a seguire Zion Adventure Photog su Instagram per far crescere e coinvolgere la community anche fuori dal sito.


Questa sensazione di coinvolgimento si estende anche alla strategia di monetizzazione del blog, che propone vari servizi fotografici e un listino prezzi trasparente per assistere i lettori anche dopo la fase di pianificazione della loro escursione.



Home page del blog di viaggi di Zion Adventure Photog


Leggi i nostri articoli per scoprire come aprire un blog e i migliori siti per creare un blog gratis nel 2024.





Questo articolo ti è stato utile?

bottom of page