Colori logo: come scegliere quelli perfetti per te


Abbinamento colori logo

I colori veicolano emozioni forti e le nostre preferenze in fatto di colori dipendono dal fatto che ognuno di noi associa dei colori specifici a delle sensazoni o ricordi personali. Quindi, quando si tratta di scegliere il colore del tuo brand e del tuo logo, è bene fare un’analisi approfondita per scegliere la tonalità giusta.


Sia che tu voglia creare un logo in autonomia, o che ti avvalga dell'aiuto di un designer professionista, riconoscere l'importanza dei colori in un logo può essere alla base del successo di un brand. In questo articolo parleremo del significato e della psicologia dei colori e delle loro combinazioni, oltre a darti qualche consiglio su come scegliere un colore per il logo del tuo brand.


Significato dei colori di un logo


Vediamo ora quali emozioni evoca ogni colore e cosa questo rappresenta per gli sforzi di branding legati a un logo:


Rosso


Il rosso è un colore che ricorda il fuoco e richiama sensazioni profonde. È accattivante e impossibile da ignorare. Ecco perché viene spesso scelto per i loghi. Colore primario, il rosso è associato all'energia, alla passione e al potere. Hai mai notato che il rosso viene spesso usato nei loghi di attività che hanno a che fare con il cibo? Questo perché si pensa che il rosso sia un colore che stimola l'appetito. Il rosso appare spesso anche nell'industria dello spettacolo e della moda.


D'altro canto, però, il rosso può anche essere legato alla rabbia e al pericolo. Se cerchi un colore calmo, pacifico e sereno per il tuo logo, il rosso non fa per te.


Esempi di loghi in rosso

Arancione


L'arancione è un colore luminoso, caldo e accogliente, e trasmette felicità e fiducia. Poiché l'arancione è spensierato, può essere una scelta eccellente per chi si occupa del settore del divertimento, ma non vuole rinunciare alla professionalità. L'arancione è usato comunemente nei loghi tecnologici, nei loghi del settore alimentare e nei loghi sportivi.


Esempi di loghi in arancione

Giallo


Amichevole, accessibile, allegro e stimolante, il giallo viene scelto da chi vuole esprimere felicità e gioia. Allo stesso tempo, il giallo è uno dei colori logo che si fanno più notare (pensa ai taxi gialli in strada), quindi può essere una buona scelta per far distinguere il tuo logo. D'altro canto, il giallo può anche essere collegato a segnali di pericolo e cautela, quindi potrebbe non essere una buona scelta per tutti.



Esempi di loghi in giallo

Verde


Il verde è uno dei colori logo più comunemente usati da brand che sono legati ai settori dell'agricoltura, dell'orticoltura, del riciclaggio e dell'energia rinnovabile. Poiché è associato alla natura, viene spesso scelto anche da brand bio, che mirano a dare un senso di pulizia e freschezza.


I loghi verdi sono spesso scelti anche da aziende nel settore della ristorazione, della tecnologia, delle telecomunicazioni e dell'industria farmaceutica.


Esempi di loghi in verde

Blu


Il blu è considerato un colore forte, che trasmette fiducia, affidabilità e professionalità. Viene spesso usato nei loghi del settore finanziario, tecnologico e sanitario. Il blu infonde tranquillità e serenità, per questo è molto scelto da brand che si occupano di salute e benessere e che vogliono trasmettere una sensazione di calma.


Esempi di loghi in blu

Viola


Nobile, lussuoso e ricercato, il viola viene spesso associato alla ricchezza e alla saggezza, pur restando un colore accessibile, giocoso e invitante. Si ritrova in numerosi settori, ma è una scelta particolarmente comune nei brand di cosmetici, e nei settori dolciario, della moda e dei giocattoli.


Esempi di loghi in viola

Rosa


Il rosa è un colore energico, rinvigorente, giocoso e sorprendentemente versatile. È un colore che trasmette giovinezza, felicità e calma, pur restando moderno. In passato culturalmente associato al femminile, il rosa è oggi usato in tutti i campi, diventando una scelta interessante anche come colore per un logo. I settori in cui il rosa viene spesso utilizzato sono l'industria della moda, così come quella del cibo e delle bevande, della tecnologia e della cosmesi.


Esempi di loghi in rosa

Bianco e nero


Classico e senza fronzoli, un logo in bianco e nero è una scelta senza tempo. Il nero ispira eleganza e raffinatezza, e quando è abbinato al bianco assicura un risultato minimalista ed efficace. Nel processo di progettazione di un logo, è consigliato crearlo sempre prima in bianco e nero, aggiungendo eventuali colori solo in seguito. Iniziando con queste tonalità base, ti potrai concentrare sull'aspetto generale del logo, senza considerarne il colore, che dovrebbe essere un elemento che migliora il design del tuo logo, senza definirlo.


L’abbinamento dei colori logo bianco e nero è molto versatile e si presta bene a loghi composti da lettere o parole, ma può essere usato per loghi di qualsiasi forma e dimensione. Utilizzando una tavolozza raffinata in bianco e nero, molti brand leader del loro settore hanno creato un logo sobrio e al tempo stesso memorabile, plasmando così l'identità del loro brand.


Esempi di loghi in bianco e nero

Grigio


Composto da bianco e nero, il grigio è un colore neutro e calmo. Trasmette professionalità, raffinatezza e modernità. Inoltre si abbina bene con quasi tutti i colori, rendendolo versatile e adatto a molti settori e design di logo diversi.


Esempi di loghi in grigio


Marrone


Il marrone è un colore forte, naturale e spesso percepito come colore maschile. Evoca sensazioni di affidabilità, fiducia e infonde un senso di salubrità. Spesso usato per prodotti completamente naturali, questo colore rappresenta la terra e ispira onestà. Il marrone è anche il colore del caffè, del cioccolato e della birra, per questo è una scelta comune in questi settori, evocando le senzazioni di accoglienza e comfort date da questi prodotti.


Esempi di loghi in marrone

Multicolor


Nonostante di solito si consigli di limitarsi a un massimo di tre colori logo, esistono dei casi in cui è possibile infrangere le regole. Spesso utilizzati da brand creativi, multidisciplinari o incentrati sui bambini, i loghi multicolor sono audaci, attirano l'attenzione e sono difficili da dimenticare.


La ragione per cui la maggior parte dei designer e degli esperti di marketing consiglia di non usare più colori insieme è che farlo può rendere un logo troppo elaborato e quindi opprimente. Gli esempi di loghi multicolor riportati qui sotto, sono caratterizzati da equilibrio e raffinatezza. Grazie alla scelta di un colore dominante, all'uso dei parametri di luminosità e saturazione e alla combinazione di colori complementari, questi loghi sono sicuramente indimenticabili.


Esempi di loghi multicolor

Come scegliere i colori logo?


Prima di selezionare la palette colori per il tuo logo, devi capire qual è il messaggio generale che vuoi trasmettere con il tuo brand e cosa questo rappresenta. Avere un'identità forte per il tuo branding ti aiuterà a rispondere a queste domande e a raggiungere il tuo pubblico di riferimento in modo più efficace.


Ecco cos’altro tenere in considerazione quando si scelgono i colori logo:


  • Abbinamento colori logo

  • Psicologia dei colori

  • Significato culturale dei colori

  • Percezione del brand

  • Concorrenza

  • RVB vs. CMGN

  • Formati e colore

Abbinamento colori logo


In generale, è bene usare non più di tre colori logo. Prestare attenzione alle palette colori e a come certe tonalità si abbinano fra loro ti aiuterà a creare un logo visivamente accattivante e che esprima al meglio il tuo brand.


Tutti hanno le proprie preferenze in fatto di colori, ma capire gli abbinamenti migliori di colori è un aspetto cruciale del design di un logo. Conosciuto come teoria del colore, questo sistema di linee guida può aiutarti a scegliere colori che non solo si abbinino bene fra loro, ma che evochino le giuste emozioni legate al tuo brand.


Esistono molti strumenti che possono aiutarti a capire la teoria dei colori e a testare e visualizzare diverse combinazioni. Inoltre, se usi un logo maker, potrai avere accesso ad abbinamenti predefiniti di colori. Queste combinazioni sono state create prendendo in considerazione la teoria dei colori, per darti un'anteprima di come potrebbe apparire un determinato abbinamento nel design del tuo logo.


Diamo un'occhiata più approfondita a questi abbinamenti di colori, per capire meglio:


  • Combinazioni di colori monocromatiche: sono composte da un solo colore usato in diverse variazioni. Per ottenere diverse sfumature, il nero o il bianco vengono aggiunti a una tinta di base che è un colore primario. Per esempio, aggiungendo il bianco al rosso si crea il colore rosa, mentre aggiungendo il nero si creerà un tipo di rosso più scuro, quasi marrone. Insieme, questi nuovi colori (rosa, rosso, marrone) creeranno uno schema colori monocromatico

  • Combinazioni di colori analoghi: sono quelle composte da colori che si trovano uno accanto all'altro nella ruota dei colori. Per esempio, blu, blu-viola e viola sono colori analoghi

  • Combinazioni di colori complementari: si creano quando vengono messi insieme colori che si trovano ai lati opposti della ruota dei colori. Per esempio, blu e arancione, giallo e viola o verde e rosso sono tutti colori complementari

  • Combinazioni di tre colori: queste combinazioni usano tre colori posizionati in maniera equidistante sulla ruota dei colori. Per esempio, rosso, giallo e blu sono colori triadici e primari. Viola, arancione e verde sono anch'essi colori triadici, ma secondari

  • Combinazioni di quattro colori: consistono di quattro colori, tutti equidistanti sulla ruota dei colori. Pensa a questo tipi di combinazioni come a due serie diverse di colori complementari, o visualizza un riquadro all'interno della ruota dei colori. Per esempio, rosso, verde, blu-viola e giallo-arancio


Tipi di combinazioni di colori

Psicologia dei colori


Hai mai avuto il conto in rosso? O sei diventato verde d’invidia? O magari sei diventato bianco come un fantasma. Questi comuni modi di dire sui colori sono parte del nostro vocabolario d’uso quotidiano, ma dipingono anche un'immagine specifica per trasmettere un messaggio o un'idea associata ai colori.


La teoria della psicologia dei colori aiuta a esplorare questo concetto, affermando che ogni colore rappresenta uno specifico comportamento o emozione. Nonostante l’assenza di comunicazione verbale, i colori esprimono qualcosa. Per esempio, il giallo è tradizionalmente associato alla felicità perché è allegro e luminoso, mentre il blu è legato all'affidabilità, alla tranquillità e alla stabilità. Quindi, quando si scelgono i colori per un logo, è essenziale pensare al messaggio del brand e all'emozione da evocare nei potenziali clienti.


Inoltre, colori specifici abbinati alle forme e ai caratteri del logo possono avere un grande impatto sulla psicologia complessiva del logo.


Esempi di psicologia dei colori

Significato culturale dei colori


Nelle culture occidentali, il rosso è spesso associato a passione, amore e potere. È una tonalità audace, energica e forte. Nelle culture orientali e asiatiche, il rosso è spesso collegato a felicità, fortuna, longevità e prosperità familiare. Così come le lingue e i simboli variano attraverso le culture, così varia anche il significato dei colori. Avere sensibilità e consapevolezza culturale è importante, specialmente per i brand che operano su un mercato globale.


Non solo il colore può scatenare una risposta emotiva in chi lo vede, ma evoca anche un'associazione col brand. Definendo chiaramente da chi è composto il tuo pubblico di riferimento, avrai una comprensione più profonda di come il colore può influenzare le sue decisioni.


Percezione del brand


Il Tiffany Blue, noto anche come blu uovo di pettirosso, è il colore iconico e inconfondibile associato al brand Tiffany & Co. Secondo il brand di lusso, "Tiffany Blue® è stato registrato da Tiffany nel 1998 ed è stato standardizzato dal sistema Pantone®, per garantire che a prescindere dal luogo o dal mezzo (su una shopper o in una pubblicità), quel colore fosse immediatamente riconoscibile in modo univoco."


Anche se i colori logo da te scelti non diventeranno una tonalità Pantone, avere coerenza e una tavolozza colori strategica basata sull’identità del tuo brand può modellarne la percezione nella mente dei consumatori. Secondo una ricerca di Ninjamarketing, quando compriamo qualcosa "il 90% dei motivi per cui portiamo a termine l'acquisto riguarda il suo colore." Quindi, la scelta di colori logo strategici e significativi aiuterà i potenziali consumatori a creare associazioni immediate con il tuo brand.


Concorrenza


Se stai progettando un logo per una linea di skincare bio, quali colori ti vengono in mente? Dal momento che il verde è solitamente associato alla natura, alla terra e all'ambiente, è spesso un colore usato dai brand orientati alla sostenibilità. Ma con così tanti prodotti naturali sul mercato, come puoi assicurarti che il tuo logo non assomigli a tutti gli altri?


Per avere un logo autentico che comunichi veramente l'identità del tuo brand, i colori logo che userai dovranno incarnare i valori e il messaggio veicolato dal prodotto o servizio che offri. Se il verde è il colore giusto per il tuo logo, la sua tonalità specifica e il livello di saturazione possono avere un impatto decisivo sulla riconoscibilità del tuo logo.


Allo stesso modo, i colori aggiuntivi che scegli possono far spiccare il colore principale o aiutare a trasmettere una sensazione specifica che vuoi che i tuoi prodotti comunichino. Inoltre, il tipo di logo che decidi di adottare potrebbe richiedere l'utilizzo di un colore specifico e determinare il modo in cui questo viene integrato nell’identità del tuo logo. Per esempio, se crei un logo con le tue iniziali, non solo il carattere che usi è importante, ma lo è anche il colore che scegli, poiché influenzerà il messaggio trasmesso dal logo stesso.


Anche se considerare la concorrenza è importante quando si progetta un logo, questo non dovrebbe influenzare troppo le tue scelte. Sebbene molti loghi di parrucchieri usino un paio di forbici nel loro design, ciò non significa che debba farlo anche tu. Puoi pensare fuori dagli schemi, non solo per differenziarti dalla concorrenza, ma anche per rappresentare al meglio il tuo brand.


RVB vs. CMGN


Ci sono due modi principali per classificare i colori: RVB si riferisce a Rosso, Verde e Blu, ossia i colori primari che sono più comunemente usati nei mezzi digitali come monitor di computer, dispositivi mobile, televisori e fotocamere digitali. In alternativa, CMGN, che sta per Ciano, Magenta, Giallo e Nero, si riferisce invece ai colori primari dei pigmenti più comunemente usati nella stampa.


A seconda delle esigenze specifiche del tuo branding, puoi certamente usare sia i colori RGB che quelli CMGN per il tuo logo. Tuttavia, quando decidi come creare il tuo logo, ti consigliamo di iniziare sempre in modalità colore CMGN. Poiché l’insieme dei colori è più piccolo, è più facile passare da CMGN a RVB, piuttosto che il contrario.


Per esempio, se il tuo logo sarà usato su biglietti da visita, opuscoli e imballaggi e dovrà poi essere adattato all'uso su schermo, è molto più facile convertire i tuoi colori logo da CMGN a RVB, e la modifica sarà impercettibile.


Tenendo a mente questo principio, è buona pratica scegliere i colori per il tuo logo tramite Pantone, in modo da evitare ogni irregolarità di stampa. Questo garantisce che i colori logo scelti siano coerenti in qualsiasi situazione. Anche se non è necessario scegliere i colori Pantone, usarli può essere utile anche per consolidare il tuo linguaggio visivo in tutte le tue risorse di branding.


Formati e colore


Eccoti un consiglio: che tu stia collaborando con un designer e o che stia creando il tuo logo da solo, assicurati sempre di avere più versioni del tuo logo. Questo è importante per diverse ragioni. In primo luogo, dato che il tuo logo sarà usato su diversi mezzi di comunicazione, vuoi assicurarti che abbia sempre un bell'aspetto.


Per esempio, supponiamo che tu abbia un logo blu e giallo. Ora immagina se uno dei tuoi clienti affezionati stampasse qualcosa dal tuo sito web in bianco e nero. Il logo apparirebbe in scala di grigi e il bellissimo logo da te creato apparirebbe scialbo e quasi irriconoscibile su carta.


Per evitare che ciò accada, assicurati di rivedere il design del tuo logo in diverse varianti tra cui scala di grigi, bianco e nero, e una versione in negativo, dove il colore del tuo logo è invertito su uno sfondo scuro.


Esempi di variazioni di colore per un logo

In secondo luogo, poiché il tuo logo apparirà anche in diverse dimensioni, la scalabilità è una considerazione essenziale da fare, soprattutto per i colori logo. Preparando vari formati colore del tuo logo, puoi prevedere come questo apparirà in tutti gli scenari. La coerenza è fondamentale per il branding e preparando ognuno di questi formati e colori, puoi assicurarti che il tuo logo non solo resterà coerente, ma avrà anche un ottimo aspetto ovunque venga utilizzato.


Per saperne di più e iniziare a progettare il tuo logo, leggi i nostri suggerimenti su come creare un logo professionale.



di Giorgia Foscarini

Blogger & Growth Marketing Specialist

Immagine per mobile

Questo blog è stato creato con Wix Blog